Documento Programmatico di Bilancio 2019

Considerando le componenti della domanda aggregata, secondo gli ultimi dati Istat, la minor crescita del PIL registrata nella prima metà dell’anno è dovuta ad un andamento leggermente inferiore alle attese dei consumi delle famiglie e marcatamente peggiore per quanto riguarda le esportazioni. A sua volta, il calo dell’export è stato particolarmente accentuato in mercati e prodotti che sono stati oggetto di politiche commerciali e industriali di stampo protezionistico. Hanno anche pesato negativamente la perdita di slancio di alcuni rilevanti paesi di destinazione delle nostre esportazioni e il forte deprezzamento del tasso di cambio di altri. I rischi esogeni per la previsione del PIL evidenziati nel DEF 2018 si sono quindi già in parte materializzati nella prima metà dell’anno. Dal lato dell’offerta, in corrispondenza del calo delle esportazioni si è verificato un marcato rallentamento della produzione e del valore aggiunto dell’industria, mentre la crescita dei servizi ha proseguito ad un ritmo moderatoL’andamento dell’occupazione nella prima metà dell’anno è stato positivo, giacché si è registrata una crescita tendenziale dell’1,2 per cento in termini di occupati. Nel secondo trimestre, il numero di occupati e le ore lavorate sono cresciute rispettivamente dell’1,7 e dell’1,5 per cento sul corrispondente periodo del 2017. In agosto, il tasso di occupazione ha raggiunto il 59,0 per cento, con il tasso di disoccupazione in discesa al 9,7 per cento – i migliori risultati in tempi recenti. Va anche rilevato che, a dispetto del rallentamento della crescita reale delle esportazioni e della salita del prezzo del petrolio, il saldo della bilancia commerciale nei primi sette mesi dell’anno è rimasto largamente positivo. La crescita del PIL nel prossimo triennio sarà trainata dalla domanda interna e da una ripresa delle esportazioni dopo il marcato rallentamento subìto quest’anno. I consumi delle famiglie, che nel 2018 si stima cresceranno dell’1,1 per cento, in rallentamento dall’1,5 per cento del 2017, accelereranno all’1,3 per cento nel 2019 e quindi all’1,6 per cento nei due anni successivi, grazie ad una buona dinamica dei redditi da lavoro dipendente, sospinti dal favorevole andamento del mercato del lavoro, e dai maggiori trasferimenti pubblici derivanti dalle misure di politica sociale programmate dal Governo. Inoltre il potere d’acquisto delle famiglie sarà favorito dalla disattivazione delle clausole di salvaguardia IVA, completa nel 2019 e parziale nel 2020-2021, inclusa nella Legge di Bilancio. Fra le principali misure previste dalla nuova Legge di Bilancio si segnalano la sterilizzazione totale delle clausole di salvaguardia per il 2019 e la riduzione di quelle previste per il 2020 e 2021, le iniziative a favore del rilancio degli investimenti pubblici e privati, l’introduzione della flat tax per le piccole imprese e per i lavoratori autonomi, gli interventi di ristrutturazione del sistema pensionistico a favore dell’occupazione giovanile e l’istituzione del Reddito di Cittadinanza. L’introduzione di una flat tax nel 2019 è rivolta inizialmente alle sole attività svolte da imprenditori individuali, artigiani e lavoratori autonomi ampliandola possibilità di aderire ad un regime forfettario, sostitutivo di Irpef e Irap, con un’aliquota del 15 per cento. Il decreto legge sulla “pace fiscale” prevede la definizione agevolata delle posizioni debitorie dei contribuenti e la chiusura dei contenziosi pendenti, diluendo i termini di pagamento delle somme dovute per estinguere il proprio debito ad un lasso temporale di cinque anni e con un tasso di interesse molto ridotto. La LB 2019 contiene, inoltre, un pacchetto di norme che rivedono il sistema pensionistico nell’ottica di agevolare il ricambio generazionale e consentire ai giovani di entrare nel mercato del lavoro. Per poter accedere alle prestazioni previdenziali si dispone il raggiungimento della cosiddetta “quota 100”, come somma dell’età anagrafica (62 anni) e contributiva (minimo 38 anni). Per il potenziamento della lotta alla povertà si introduce il Reddito di Cittadinanza, per sostenere chi si trova al di sotto della soglia di povertà e, allo stesso tempo, favorirne il reinserimento nel mercato del lavoro attraverso un percorso formativo vincolante. La spesa per istruzione in rapporto al PIL si attesta in media sul 3,6% nel quinquennio 2014-2018 (3,5% nel 2019). Per le dinamiche di medio-lungo periodo, si rinvia alle più recenti previsioni elaborate sulla base della metodologia e dello scenario definito in ambito europeo. ‘La spesa sanitaria in rapporto al PIL si attesta in media sul 6,7% nel quinquennio 2014-2018 (6,5% nel 2019). Per le dinamiche di medio-lungo periodo, si rinvia alle più recenti previsioni elaborate sulla base dello scenario nazionale e quello elaborato in ambito europeo. Sterilizzazione completa degli aumenti delle accise per tutto il triennio e degli aumenti IVA per il 2019; sterilizzazione parziale degli aumenti IVA per il 2020 e 2021. Completamento del percorso di chiusura delle posizioni debitorie dei contribuenti per consentire che l’attività di riscossione ordinaria riprenda con maggiore efficienza, secondo le modalità previste nelle precedenti edizioni di misure agevolate di cui all’articolo 6 del DL 193/2016 e all’articolo 1 del DL 148/2017. I termini di pagamento sono estesi rispetto a precedenti edizioni, fino a un massimo 10 rate in 5 anni, con in questo caso anche gli interessi di mora ridotti. Chiusura delle liti pendenti, definizione agevolata dei processi verbali di constatazione e altre misure minori. L’obbligo di fatturazione elettronica tra privati già disposta dalla legge di bilancio 2018, a partire dal 1 gennaio 2019, è rafforzato dall’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi all’Agenzia dell’entrata per contribuire a contrastare l’evasione per omessa fatturazione (cd. “con consenso”). Tale obbligo viene introdotto gradualmente a partire da luglio 2019 per i soggetti con volume d’affari superiore a 400 mila euro e dal 1 gennaio 2020 per tutti i soggetti. La misura è accompagnata da un credito d’imposta forfettario pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto, la sostituzione o l’adeguamento dei misuratori fiscali e da misure di semplificazione procedurale. Dal periodo d’imposta 2019, le aziende che investono e assumono lavoratori possono fruire di un regime agevolato che riduce l’aliquota IRES dal 24% al 15% per la quota di utili reinvestita in beni strumentali nuovi e in nuova occupazione.  Viene ampliato l’ambito di applicazione del regime forfetario dei minimi con un’aliquota sostitutiva forfettaria del 15%, per persone fisiche esercenti attività d’impresa con una unica soglia di ricavi e compensi elevata a 65.000 euro, indipendentemente dall’attività esercitata. Sono rivisti i coefficienti di redditività distinti in base al ATECO dell’attività esercitata che, applicati all’ammontare dei ricavi o compensi percepiti determinano Il reddito imponibile. La soglia minima per il pensionamento anticipato è di 62 anni di età e 38 anni di contributi, a cui si potrà accedere durante quattro “finestre” l’anno.
Il reddito di cittadinanza garantisce il raggiungimento, anche tramite integrazione, di un reddito annuo calcolato in base dell’indicatore di povertà relativa dell’UE Ne possono beneficiari maggiorenni residenti in Italia da almeno 5 anni disoccupati o inoccupati (inclusi pensionati). 1) Proroga al 31 dicembre 2019 della detrazione per gli interventi ristrutturazione edilizia al 50 per cento (da suddividere in 10 quote annuali). 2) Proroga al 31 dicembre 2019 della detrazione per gli interventi di efficienza energetica (da suddividere in 10 quote annuali) ma in misura inferiore per alcune fattispecie (50 per cento invece che 65 per cento, per sostituzione di infissi, schermature solari, impianti di climatizzazione invernale tramite caldaie a condensazione e a biomassa), anche per gli immobili degli Istituti autonomi per le case popolari 3) Proroga per il 2019 della detrazione per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica elevata finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione 4) Proroga per il 2019 della detrazione al 36 per cento per interventi di cura, ristrutturazione e irrigazione del verde privato.  Proroga del bonus fiscale sugli ammortamenti connessi agli investimenti in macchinari e attrezzature effettuati nel 2019 per contribuire al rinnovamento del capitale produttivo delle imprese, con alcune modifiche nell’entità. Nuova legge annuale per il mercato e la concorrenza e liberalizzazione nei settori ancora caratterizzati da rendite monopolistiche e da ostacoli alla concorrenza. Introduzione del Reddito di Cittadinanza (ddl collegato alla Legge di Bilancio). I criteri di attuazione sono demandati a successivo decreto di natura non regolamentare. Introduzione della ‘pensione di cittadinanza’, I criteri di attuazione sono demandati a successivo decreto di natura non regolamentare. Misure per la genitorialità e la famiglia. Riforma della normativa sulla disabilità.

dpb2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *