Lezioni in chiaro, ripetizioni di pomeriggio.

Maurizio Primo Carandini dirigente dell’Istituto Comprensivo Valenza A dichiara:

Ho solo trasferito dal mondo della sanità alla scuola l’intramoenia che già esiste». Applicando alcune piccole regole di buon senso che possono aiutare a scongiurare gli abusi. La prima è che i docenti non possono fare ripetizioni ai loro alunni. La seconda è che i destinatari possono essere piccoli gruppi di alunni (da 2 a 4). La terza è che ogni quattro lezioni il docente debba fare una relazione per la scuola e la famglia in cui illustra lo stato dell’arte.

La misura è piaciuta da subito a tutte le parti in causa. Ai docenti che non devono aprire le porte di casa ai ragazzi e ottengono in busta paga diretta- mente l’importo netto (circa 17 euro l’ora). Ai sindacati che non sempre vedono di buon occhio iniziative del genere. Alle scuole che possono re- cuperare qualche risorsa per i servi- zi aggiuntivi (segreteria o fotoco- pie). Ai genitori che possono moni- torare passo passo i progressi dei figli e spuntare un prezzo concor- renziale rispetto alle lezioni private classiche: 12 o 18 euro a seconda che i destinatari siano 4 o 2. stinatari possono essere piccoli gruppi di alunni (da 2 a 4).

Stralcio articolo di Eugenio Bruno IlSole24ore 7 novembre 2018 p.5

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *