Rallentare!

Su tante tematiche, ma ormai la situazione virus ci ha dato una conferma, il problema non è il governo, la fuga di notizie etc il problema è l’uso dell’informazione, dei dati, che ormai non sono condivisi per far crescere chi legge e ascolta, ma solo per arrivare primi, per far vedere che si è bravi, i primi della classe, in poche parole per produrre, scusatemi, l’EFFETTO CAZZO, come Zambardini diceva nel suo ultimo articolo su MIND di questo mese.
Molte cose stanno cambiando e saranno cambiamenti radicali.
Abbiamo capito, almeno spero, che

  • governare chiudendosi non serve anzi ti isola, se ti dà la prima impressione di sicurezza immediatamente dopo ti fa implodere, quindi ai COMANDANTI direi che possono finire il loro ciclo e parcheggiarsi;
  • governare non significa preoccuparsi delle piattaforme informative, parlare bene, avere stile, vestirsi bene rispetto alla situazione, cravatta o maglioncino, in poche parole credere e far credere che il popolo sia al governo e il governo sia il popolo, non è il GRANDE FRATELLO;
  • essere un popolo significa far parte di qualcosa di più grande del tuo account, della tua casa, del tuo orticello, significa far parte di una comunità in cui accudisci e ti senti accudito, NOI NON SIAMO UN POPOLO e questo è per colpa NOSTRA, lo si vede dai comportamenti assurdi nonostante i consigli e divieti;
  • che ne’ i governi fisici, ne’ i governi delle piattaforme, riescono a governare e a dare un ordine, non riescono più a formulare nonostante la simultaneità e la velocità delle nuove tecnologie, regole e tribunali per regolare comportamenti che non si basano sulla fede e sulla ragione ma solo sullo scimmiottare ed emulare PERSONAGGI IN CERCA DI AUTORE.

E ORA DI SVEGLIARCI E SOPRATTUTTO
RALLENTARE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *